Come scegliere la migliore calcolatrice per il lavoro in ufficio

calcolatrice-sharp-o-casio (002)

Come scegliere la migliore calcolatrice per il lavoro in ufficio

L’acquisto di una calcolatrice per l’ufficio presuppone l’investimento di denaro su un prodotto che possa davvero aiutarci nell’attività Ecco perché è necessario sceglierla attentamente!

Ecco come orientarsi nella scelta del prodotto

L’acquisto delle macchine per l’ufficio è sicuramente un’operazione molto  delicata, giacché solitamente si presuppone che quell’articolo che acquisteremo dovrà essere in grado di soddisfarci durante la nostra attività lavorativa per un arco di tempo lungo. Molto spesso, però, si rischia di fare un errore grossolano, specie se ci si basa esclusivamente sul prezzo dell’apparecchio: la stessa cosa può capitare con la calcolatrice. Chiedersi se sia meglio acquistare una calcolatrice Sharp o Casio, quindi, è una domanda lecita, ma va altrettanto detto che non bisogna guardare immediatamente il prezzo o il marchio, bensì porsi la domanda “ qual è l’utilizzo che ne devo fare?”.

Solo in questa maniera, poi, si potrà passare alla fase successiva, controllando attentamente quali sono i marchi che riescono a soddisfare le nostre necessità in ufficio.  Ricordatevi che la calcolatrice potrà essere di diversi tipi, proprio in base all’attività che dovrete svolgere con il vostro lavoro: in commercio, difatti, troviamo quella base perfetta per le operazioni più semplici (addizione, sottrazione, divisione e moltiplicazione), ma anche la scientifica idonea quando si richiede di fare calcoli più complessi. Infine, non dimentichiamoci neppure della calcolatrice da tavolo che, nella maggior parte dei casi, è in grado di erogare uno scontrino con i conti appena fatti.

Che cos’è la calcolatrice scientifica?

Iniziamo ad approfondire la conoscenza di un tipo di calcolatrice che, alla fine, risulta essere una tra le più acquistate: stiamo parlando della calcolatrice scientifica che ha molte più funzioni di una comune calcolatrice e che è perfetta pure nel caso in cui si trattano diverse discipline scientifiche come fisica, matematica approfondita ed ingegneria. Pensate che vi sono addirittura alcuni di questi modelli più avanzati  che sono perfetti per la finanza, giacché consentono di effettuare calcoli di statistica attraverso delle specifiche modalità operative.

In alcuni casi, le calcolatrici scientifiche sono dotate di schermo più ampio per il disegno di grafici – in questo caso però si tratta di calcolatrici scientifiche/grafiche – che permettono di lavorare ancor di più meglio in determinate situazioni. A differenza della comune calcolatrice, quest’ultima è in grado di lavorare sulle frazioni, sulle funzioni logaritmiche, radici, elevamento a potenza, logaritmi e molto altro ancora. Dunque, se avete la necessità di operare con conti più complessi e di avere un supporto mobile sempre con voi, il nostro suggerimento è quello di affidarsi ad un prodotto di questo genere che potrà costare dai 15 euro sino ad una sessantina. Naturalmente, se acquisterete la variante grafica, il prezzo sarà ulteriormente da incrementare!

Quando scegliere una calcolatrice da tavolo?

Infine, parliamo della variante da tavolo: questa calcolatrice, come avrete capito, si presenta come la soluzione migliore per negozi oppure per uffici che hanno bisogno di avere sempre a portata di mano una macchina in grado di fare conti veloci ed annotarli. Questa calcolatrice è predisposta per poggiare saldamente sulla scrivania, grazie ai piedini gommosi collocati sul fondo, ed è elettronica (un tempo si parlava di calcolatrice meccaniche).

Come potrete ben immaginare, rispetto ad una comune calcolatrice – ma anche ad una scientifica – questa ha dimensioni più sostenute ed un grosso display che rende più facile la lettura dei calcoli. Alcuni modelli necessitano di essere alimentati direttamente con la presa elettrica, mentre che altre calcolatrici da tavolo sfruttano le batterie elettriche o un modulo fotovoltaico. Ad ogni modo, la calcolatrice da tavolo che è sempre dotata di una piccola stampante è predisposta con una presa elettrica, giacché richiede un assorbimento maggiore di energia per poter funzionare. Il costo di questo supporto è di circa 20 euro sino a 100 euro circa.